• Annalisa Lagrasta

I 10 libri che mi sono rimasti nel cuore e perché

Aggiornato il: ott 1


Fai bei sogni - Massimo Gramellini

Uno dei libri che ho letto negli ultimi anni: Fai bei sogni di Massimo Gramellini è un libro che ha i giusti toni della narrazione giornalistica, ma allo stesso tempo è intimo come un romanzo.

Con uno stile chiaro e pulito, Gramellini racconta la sua storia personale da quando era bambino fino a diventare un uomo, con un ritmo sempre più incalzante in ogni pagina, fino ad arrivare a un finale che commuove lasciando senza parole.


Il Grande Gatsby - Francis Scott Fitzgerald

“Quando ti viene voglia di criticare qualcuno, ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu.” Questa frase mi è rimasta sempre nel cuore, dal primo momento in cui ho letto questo libro, tanto da averla inserita nella dedica della mia tesi di laurea.

Il Grande Gatsby di Fitzgerarld è un romanzo che ti entra nel cuore e credetemi gli adattamenti cinematografici non rendono nemmeno in piccola parte l'immensità di questo libro.

Libro manifesto del modernismo che mi ha dato un grande insegnamento: non si può ripetere il passato.




La vita è un viaggio - Beppe Severgnini

"Anche se viaggiassimo insieme, il tuo viaggio non sarebbe il mio". Beppe Severgnini è uno dei giornalisti che amo di più in assoluto e con questa frase in questo libro ha conquistato il mio cuore da lettrice. "La vita è un viaggio" è un libro che ci accompagna in un percorso: non ci indica una meta, ma ci accompagna nel suo raggiungimento. Un viaggio lungo l'Italia, ma anche un viaggio nel nostro percorso di vita.


L'Amica Geniale - Elena Ferrante

Lila ed Elenuccia: c'è poco da aggiungere. Rai 1 ha fatto conoscere a tutti la storia delle due amiche geniali, ma io porterò sempre nelle mia mente come le avevo immaginate durante la lettura.

Un viaggio di fantasia in una Napoli che può essere raccontata e vissuta a occhi chiusi, accompagnato da due bambine che in un attimo si ritroveranno a essere donne adulte. Un storia di amicizia, di rivalsa e di lotte sociali e personali.




Harry Potter - J. K. Rowling

Adesso ditemi chi tra i nati negli anni '90 non ha mai visto o letto Harry Potter. Vi rispondo io: nessuno. L'unica saga che ho letto per intero, è stata capace di trascinarmi con forza in un mondo incantato, quello del fantasy, a me sconosciuto fino ad allora. Dal trauma per la morte di Cedric Diggory, mai superato, al bacio con Cho Chang: Harry Potter ci ha fatto sognare con dei riferimenti alla letteratura inglese che non tutti hanno saputo cogliere.



David Copperfield - Charles Dickens

A proposito di riferimenti alla letteratura inglese in Harry Potter... David Copperfield! No, non sto parlando del mago ma del giovane bambino: assenza della figura paterna, una zia insopportabile, la voglia di andare via per ricominciare. A quanti di voi ricorda Harry?

David è molto di più e lo capirete scorrendo le lunghe pagine di questo romanzo ottocentesco capace di appassionare i grandi e i più piccoli.


Piccole donne - Louisa May Alcott

Il romanzo che mi ricorda di più la mia infanzia. Ricordo ancora quando mia nonna mi educò alla sua lettura, fui subito catturata dai racconti delle sorelle March: Meg, Jo, Beth e Amy. Sognavo di essere loro, di vivere i loro amori e loro avventure, questo mi ha portato a leggere e rileggere il libro più volte durante la mia crescita. Lo rileggerò ancora? Assolutamente sì, anche perché... Piccole donne crescono.


Momenti di trascurabile felicità - Francesco Piccolo

Può essere trascurabile la felicità? L'infelicità invece? No, se si coglie ogni singolo istante della propria vita e lo si suggella nei propri pensieri e nei propri ricordi. Una raccolta di pensieri, momenti, attimi, che Francesco Piccolo ci sottopone per cogliere la bellezza che spesso si nasconde nelle piccole cose, come in una coda al supermercato o in un negozio di scarpe. Questo libro lo leggi in mezza giornata, ma lo porti con te per sempre.




Nessuno si salva da solo - Margaret Mazzantini

Più che un libro un insegnamento di vita: nessuno si salva da solo. Me lo sono ripetuta più volte dopo aver letto questo libro diversi anni fa. Ognuno di noi ha bisogno di una spalla sulla quale poggiare proprie fragilità, che sia in coppia o no, che siano banalità o problemi più grandi. Non dobbiamo avere paura nel ricercare "nell'altro" un aiuto, anche quando ci sentiamo abbandonati. Il film mantiene alte le aspettative del libro.


Casi Umani - Selvaggia Lucarelli

Su una cosa siamo tutti d'accordo: Selvaggia o la ami o la odi. Ecco io rientro nella categoria di quelli che la amano. Non solo per il suo essere schietta e sincera, per il sapersi raccontare con ironia e criticità, ma soprattutto perché i suoi libri sono stati gli unici a farmi ridere di gusto mentre stavo leggendo, perché? Perché racconta la quotidianità, le debolezze con cui ogni donna ha a che fare, i casi umani che tutte abbiamo incontrato e lo fa con uno stile narrativo incalzante e mai banale. Insomma Selvaggia I love You. Consiglio anche "Che ci importa nel mondo".


It's all folks, stay tuned per il prossimo articolo, tutto da "divorare" :D

70 visualizzazioni

© 2019 By La Spandata